Comune di Taranta Peligna

Comune di

TARANTA PELIGNA

"Il comune è mediatore di democrazia" Giorgio La Pira

 

alt

 

Comune di Taranta Peligna
Provincia di Chieti


Latitudine: NORD 42° 01' 12" - Longitudine : EST 14° 10' 18"

Popolazione residente al 31.12.2010 : 425

Piazza Municipio, n. 5

66018 Taranta Peligna (CH)

Tel. e Fax 0872 - 910118

Partita IVA 00153460696

E-mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Posta Elettronica Certificata : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Gli abitanti di Taranta Peligna hanno in genere due certezze.  

La prima: l’aggettivo Peligna c’entra poco con la storia del paese, è un regalo un po’ maldestro del Regno D’Italia, frutto di una conoscenza del territorio un po’ troppo distante, in quanto i Peligni erano una popolazione preromanica presente dall’altra parte della montagna. Nella zona di Taranta c’erano i Carecini, altra tribù italica.  Poi si susseguirono i Longobardi, che lasciarono un castello sulla morgia del fiume dove ora sorge la chiesa parrocchiale di San Nicola e prima ancora romani, che lasciarono diverse tombe sparse sul territorio; una di queste, di un tale Brinnia Procula, venne recuperata nel 1500 circa da Lorenzo Malvezzi Medici (parente di quel Lorenzo il Magnifico) toscano che era sceso a Taranta per diffondere l’arte laniera.

Taranta e la lana sono due realtà che per secoli sono andate insieme: la fortuna del paese, dove la rivoluzione industriale arrivò quando in altri posti del Regno delle Due Sicilie o dell’Abruzzo citeriore si era ancora in pieno feudalesimo, è ruotata da sempre attorno ai suoi lanifici che sfornavano tessuti e coperte famose in tutta Italia. Taranta aveva l’esenzione dai balzelli reali perché forniva le vele agli arsenali napoletani e i tarantolesi erano un popolo di mercanti, di pastori e di operai.

E la cultura tarantolese ne risente di conseguenza: si sviluppa il culto di San Biagio, protettore dei lanieri, culto che culminerà con la costruzione della chiesa di San Biagio, di cui ora rimangono ruderi, portone ligneo e portale, bellissimi e intrascurabili al centro del paese. Il dialetto tarantolese cambia, si trasforma grazie agli influssi foggiani e napoletani riportati dai mercanti e dai pastori transumanti. Negli ultimi anni il legame con il sud si è rafforzato, unendo il nome del paese alla danza salentina, la Taranta, grazie ad iniziative culturali ed ad un festival [LE NOTE DE LA TARANTA] che è diventato appuntamento fisso estivo della Valle Aventino.

Ma Taranta stessa è in continuo divenire: distrutta e ricostruita più volte a seguito di devastanti terremoti e, per ultimo, dopo l’operazione “terra bruciata” del feldmaresciallo Kesserling, per cui il 90% delle abitazioni sono saltate in aria, minate ad una ad una, mentre i Tarantolesi si rifugiavano nelle grotte della Valle di Taranta.

Proprio queste grotte rendono Taranta famosa, in particolare la Grotta del Cavallone, grotta naturale visitabile più alta d’europa, accessibile tramite una funivia. Si estende per 3 km, è in parte ancora da esplorare, all’interno ci sono “foreste incantate”, “mostri”, una “sala delle fate”. È un mondo magico e allo stesso tempo un paradiso scientifico e geologico, immerso in un altro paradiso, questa volta di biodiversità, rappresentato dal parco della Majella.

Salendo nella valle e guardando in basso si ha un’idea completa di Taranta: il Sacrario della Brigata Majella che domina la Valle Aventino, la chiesa della S.S. Trinità, al di là del fiume, che conservava un magnifico crocifisso ligneo il quale oggi si trova nella chiesa di San Nicola; ancora il santuario della Madonna Della Valle, proprio al culmine del paese, e la chiesetta della Madonna del Carmine, che invece è la prima costruzione che s’incontra arrivando a Taranta. A metà strada tra le due chiese, in un sentiero in mezzo al bosco, c’è la Croce delle Pietre, copia dell’originale andata persa qualche anno fa.   E poi ancora le “Casette Borboniche”, proto esempio di architettura popolare e d’emergenza, fatte costruire per un sisma prima dell’avvento del regno d’Italia, il palazzetto baronale dei Malvezzi, di recente ristrutturato e riaperto, il Parco Fluviale delle Acquevive, scenario d’acqua bellissimo e suggestivo; e poi ancora i tanti tesori custoditi nelle chiese (statue lignee del trecento e del cinquecento, arredi antichi, reliquie e pergamene) e negli angoli del paese, a testimonianza della sua storia.

La seconda certezza del Tarantolese è il vivere sempre e costantemente con le spalle protette dalla Montagna, rifugio durante la guerra, occasione di sviluppo, punto di riferimento fisso anche per le situazione di vita. Quella stessa montagna che è stata attraversata [SENTIERO DELLA LIBERTA’] durante la guerra da uomini in cerca di libertà, con cui i Tarantolesi “si divisero il pane che non c’era.”

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA E CONSENSO PRIVACY

Informativa Privacy ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003

 

Comune di Taranta Peligna. Privacy policy

In questa pagina si descrivono le modalità e le logiche del trattamento dei dati personali degli utenti (di seguito, anche gli Utenti) che consultano il sito del Comune di Taranta Peligna (di seguito, anche il Sito).

L'informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a tutti gli utenti che, interagendo con il Sito, forniscono la Comune di Taranta Peligna i propri dati personali.

La validità dell’informativa contenuta nella presente pagina è limitata al solo Sito e non si estende ad altri siti web eventualmente consultabili mediante collegamento ipertestuale.

Il titolare del trattamento dei dati raccolti è:

Comune di Taranta Peligna

I trattamenti di dati connessi al modulo di richiesta informazioni hanno luogo presso la sede del Comune di Taranta Peligna e sono curati, tramite strumenti elettronici e previa adozione delle idonee misure di sicurezza, da personale in servizio presso l’ufficio incaricato del trattamento.

Tipologia dei dati e finalità del trattamento
Tutti i dati personali forniti attraverso il Sito saranno trattati in modo lecito e secondo correttezza al fine di fornire i servizi richiesti nonché di rispondere alle comunicazioni e alle domande degli utenti, sempre nell’assolvimento dei compiti istituzionali del Comune di Taranta Peligna così come previsti dalla Legge.

Dati forniti volontariamente 
Attraverso il Sito è possibile inviare richieste e comunicazioni al Comune di Taranta Peligna attraverso gli indirizzi di contatto riportati sul sito. Il conferimento di tali dati è obbligatorio, necessario per rispondere alle richieste inviate nonché per ricontattare il mittente per ottenere precisazioni in ordine a quanto segnalato.

Dati di navigazione 
In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) e altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. I dati di navigazione vengono acquisiti non per finalità di identificazione degli utenti, ma all’unico fine di raccogliere, in forma anonima, informazioni statistiche sull’utilizzo del sito e dei suoi servizi.

Cookie
I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.

Il Sito utilizza:

  • cookie di sessione il cui utilizzo non è strumentale alla raccolta di dati personali identificativi dell'utente, essendo limitato alla sola trasmissione di dati identificativi di sessione nella forma di numeri generati automaticamente dal server. I cookie di sessione non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell'utente e vengono cancellati automaticamente alla chiusura del browser.

cookie utilizzati non consentono la raccolta di informazioni personali relative all'utente e si cancellano automaticamente con la chiusura del browser di navigazione. Non sono utilizzati cookies per la profilazione dell'utente. L'utente può scegliere di abilitare o disabilitare i cookie intervenendo sulle impostazioni del proprio browser di navigazione secondo le istruzioni dei fornitori. La disabilitazione dei cookie di sessione comporta l'impossibilità per l'utente di autenticarsi in eventuali aree riservate del sito.

Diritti degli interessati Gli Utenti possono esercitare in qualsiasi momento i diritti previsti dall’art. 7 del Codice privacy, al fine di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei loro dati personali e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione. Ai sensi della medesima disposizione l’Utente potrà inoltre chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.  Le richieste vanno inviate all’indirizzo: Sindaco@comune.tarantapeligna.ch.it

Attraverso i medesimi recapiti, l’Utente potrà chiedere inoltre la lista aggiornata di tutti i Responsabili del trattamento nominati dal Titolare.

Aggiornamenti 
La Privacy Policy di questo Sito è soggetta ad aggiornamenti; gli Utenti sono pertanto invitati a verificarne periodicamente il contenuto